Blog

Come creare un unicorno Made in Italy grazie al digitale: la storia di Yoox e Federico Marchetti.

Cavalli bianchi con un corno al centro della fronte. Sono gli unicorni, figure mitologiche simbolo di purezza e castità per i Cristiani. In Harry Potter sono portatori di magia e, in generale, rappresentano qualcosa di bellissimo difficile da catturare.

Nella Silicon Valley assumono, invece, tutto un altro significato: si definiscono unicorni quelle startup che passano da zero a un miliardo di dollari di valore in poco tempo. Tanti gli esempi: Facebook, Uber, Airbnb, Spotify, solo per citarne alcuni.

E in Italia?

Il Belpaese non è terra di unicorni ma ha una bella storia da raccontare. Quella di Federico Marchetti, figlio di un magazziniere e di un’impiegata.

La sua favola inizia alla fine degli anni ’80 quando, allora ragazzotto, parte da Ravenna per Milano, destinazione Bocconi.

Laurea con 110 e lode, un’esperienza di 3 anni nella finanza e un master alla Columbia University prima di aprire una startup inseguendo un sogno: vendere moda online.

Un’idea utopistica in anni in cui neanche i grandi marchi credono alle opportunità del web e i loro siti sono dei semplici fermacarte digitali. Tantomeno le banche d’affari e gli investitori che ascoltano perplessi il business plan di questo ragazzo senza neanche una lira in tasca.

È un’epoca difficile, di sfiducia dilagante a seguito del crash della bolla new economy.

″Non avevo soldi. Non avevo niente. E dovevo vincere lo scetticismo generale. Tutti mi dicevano: è impossibile, nessuno comprerà vestiti online.”

Ma Federico non molla fino a quando accade l’incontro che gli cambierà la vita. Quello con Elserino Piol, padre del ventur capital in Italia che scommette su di lui mettendo sul piatto 3 miliardi delle vecchie lire.

Nel 2000 nasce Yoox, primo e-commerce di lifestyle al mondo.

I segnali sono incoraggianti già dall’inizio: la startup inizia a correre offrendo la sua infrastruttura di know-how digitale ai grandi della moda.

″Uno dei primi acquisti lo fecero delle suore di clausura nell’estate del duemila. Ricordo che comprarono delle scarpe. Probabilmente pregarono per noi e ci portarono tanta fortuna.”

L’esplosione dal 2006 quando gestisce i siti di una trentina tra i marchi più prestigiosi al mondo. Tutti lo cercano: da Gucci ad Armani, da Fendi ad Hermès.

Il resto è una cavalcata straordinaria con la quotazione in Borsa e una notorietà che porta il New York Times a definirlo “l’uomo che ha portato la moda sul web”.

Nel 2015 a seguito della fusione con Net-a-Porter nasce Yoox-Net-a-Porter, un colosso planetario con oltre 4,3 milioni di clienti in 180 Paesi e un fatturato annuo di 1 miliardo di dollari.

Nel 2018 vende al gruppo Richemont ma rimane amministratore delegato fino a qualche giorno fa quando lascia la mano annunciandolo sul suo profilo Instagram.

Tante le iniziative che lo faranno ricordare come imprenditore visionario e innovatore con grande attenzione al ruolo della donna in azienda e alla sostenibilità.

Ma, probabilmente, passerà alla storia per aver dato vita al primo unicorno italiano.

“In futuro il lusso sarà Made by Humans” F. Marchetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.